diritti delle donne (12) donna (12) video (10) Governo (8) violenza (8) discriminazione (7) sviluppo (7) Filosofia (6) democrazia (6) evento (6) legge (6) musica (6) sottomissione (6) libertà (5) mercato del lavoro (5) India (4) Iran (4) economia (4) film (4) lapidazione (4) lavoro (4) libri (4) notizie (4) parità (4) rivoluzione (4) Amartya Sen (3) Ilva (3) Islam (3) citazioni (3) schiavitù (3) Africa (2) Inquinamento (2) Italia (2) Mutilazione Genitali Femminili (2) Peacereporter (2) Sud (2) Taranto (2) Tumori (2) arte (2) conflitti (2) diritti dell'uomo (2) diritto allo studio (2) globalizzazione (2) il fatto quotidiano (2) manifesrazione (2) pari opportunità (2) pensieri (2) quote rosa (2) sicurezza (2) società (2) sottoalimentazione (2) stato (2) tasso d'inattività (2) vittime (2) Amnesty (1) Arabia Saudita (1) Aristofane (1) Aung San Suu Kyi (1) Banca Mondiale (1) Birmania (1) Borsellino (1) CDW (1) CEDAW (1) CNR (1) Cambogia (1) Congo (1) De Andrè (1) Egitto (1) Eurostat (1) Grafico (1) Iraq (1) Istruzione (1) Kant (1) La repubblica (1) Legambiente (1) Linda Perry (1) Martha Nussbaum (1) Messico (1) Nobel Pace (1) Nord Africa (1) Norvegia (1) ONU (1) Pakistan (1) Pil (1) Sakineh (1) Sierra Leone (1) Somalia (1) Spagna (1) Tribunale Internazionale di Giustizia (1) USA (1) Women for Women international (1) Z. Bauman (1) articolo (1) boris (1) capacità (1) convegno (1) convenzione (1) dati (1) dignità (1) educazione (1) fame nel mondo (1) fotografia (1) futuro (1) letteratura (1) mafia (1) microcredito (1) militari (1) mondo (1) povertà (1) precarietà (1) risorgimento (1) statistiche (1) storia (1) torture (1) verginità (1)

sabato 11 dicembre 2010

L'Italia non è un paese per donne_1 su 2 è senza lavoro

Fonte:elaborazione personale su dati Eurostat

Secondo l'ufficio statistico dell'Unione europea, nel 2009 registrato nel nostro Paese il 48,9% di inoccupate tra i 15 e i 64 anni, a fronte del 35,7% della media Ue. Tassi di inattività più alti nelle aree dove è più difficile trovare occasioni professionali durante gli anni di studio
BRUXELLES - Quasi una donna su due in Italia é fuori dal mercato del lavoro. Una percentuale decisamente superiore alla media dell'Unione Europea. A sostenerlo è uno studio Eurostat: se si considerano, infatti, le inoccupate tra i 15 e i 64 anni, la percentuale delle interessate, lo scorso anno, per il nostro Paese era pari al 48,9%, s fronte del 35,7% della media Ue.
Se, da una parte, l'innalzamento dell'età pensionabile di chi già lavora e, dall'altra, il maggior numero di anni dedicati a scuola e università delle più giovani sono alcune dei fattori principali che giustificano il fenomeno, Eurostat nota però che ci sono anche differenze significative tra i paesi dovute all'atteggiamento più o meno attivo di chi cerca un lavoro durante gli studi.
L'approccio delle donne al lavoro in Italia migliora leggermente nella fascia tra i 25 e i 54 anni, quando comunque restano fuori dal mondo del lavoro 35,5% italiane, a fronte di una media generale del 22,1%.

Le motivazioni che fanno la differenza
Guardando in particolare alle differenze tra paesi Ue, tra i 25 e i 54 anni, il tasso di inattività più alto é stato registrato a Malta (51.1%), seguita dall'Italia, dalla Romania (29.4%) e dalla Grecia (29.0%), mentre i più bassi in Slovenia (12.1%), Svezia (12.9%) e Danimarca (13.0%).
Questi dati si riflettono anche sulle motivazioni. Infatti, la percentuale delle donne che hanno addotto "motivi di famiglia" é più marcata a Malta (40,4%), seguita dalla Grecia (16,2%) e dal Lussemburgo (15,6%), mentre é minore in Danimarca (1,4%), Svezia (1,8%) e Slovenia (3,6%). Le giovani donne tra i 15 e i 24 anni sono in gran parte inoccupate in Ungheria (78,5%) e in Italia (76,1%), mentre le Olandesi (28,1%) e le Danesi (29,3%), secondo la ricerca Eurostat, sono le più integrate, grazie anche alla maggiore facilità di trovare lavori per studenti. Infine, per le donne tra i 55 e i 64 anni il tasso di inattività più elevato é stato registrato a Malta (87,9%) e in Polonia (76,8%), mentre il più basso in Svezia (30,1%) e in Estonia (33,9%).

Le differenze con il lavoro maschile
Significative le differenze rispetto agli uomini. Tra i maschi di età compresa tra i 15 e i 64 anni, il tasso di inattività nel 2009 é stato pari al 22,2%, solo leggermente in diminuzione rispetto a quello del 2000, pari al 22,8%. Se per le donne la percentuale per lo scorso anno é decisamente più alta (35,7%), questa é però significativamente minore rispetto al 2000, quando era al 39,9%. Ciò significa che in nove anni, oltre cinque milioni di donne in più sono entrate sul mercato del lavoro. Non solo. Nonostante la crisi economica, tra il 2008 e il 2009 il numero di donne sul mercato del lavoro è continuato ad aumentare, facendo abbassare il tasso di inattività dal 36,1% al 35,7%.
Il contrario, invece, si é verificato per gli uomini - i più colpiti dalla crisi - la cui percentuale di inattivi é aumentata per la prima volta dal 2002, passando dal 22% al 22,2% del 2009. In particolare, sono stati i ragazzi tra i 15 e i 24 anni ad averne soprattutto fatto le spese, passando da un tasso di inattività del 52,1% nel 2008 al 53% nel 2009.

Il dato confortanteLa buona notizia che Eurostat dà alle donne europee é che il loro mercato del lavoro é in costante crescita, nonostante la crisi. Tra i 15 ed i 64 anni il dato generale per i 27 paesi é stato in costante riduzione: il tasso di non occupazione era il 39,9% nel 2000, il 37,6% nel 2005, il 36,1% nel 2008 e il 35,7% nel 2009. E anche le italiane non sono state da meno: nel 2000 ad essere totalmente fuori del lavoro erano il 53,7%, nel 2009 il 48,9%. (rc/roma)

Fonte: Inail

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails