diritti delle donne (12) donna (12) video (10) Governo (8) violenza (8) discriminazione (7) sviluppo (7) Filosofia (6) democrazia (6) evento (6) legge (6) musica (6) sottomissione (6) libertà (5) mercato del lavoro (5) India (4) Iran (4) economia (4) film (4) lapidazione (4) lavoro (4) libri (4) notizie (4) parità (4) rivoluzione (4) Amartya Sen (3) Ilva (3) Islam (3) citazioni (3) schiavitù (3) Africa (2) Inquinamento (2) Italia (2) Mutilazione Genitali Femminili (2) Peacereporter (2) Sud (2) Taranto (2) Tumori (2) arte (2) conflitti (2) diritti dell'uomo (2) diritto allo studio (2) globalizzazione (2) il fatto quotidiano (2) manifesrazione (2) pari opportunità (2) pensieri (2) quote rosa (2) sicurezza (2) società (2) sottoalimentazione (2) stato (2) tasso d'inattività (2) vittime (2) Amnesty (1) Arabia Saudita (1) Aristofane (1) Aung San Suu Kyi (1) Banca Mondiale (1) Birmania (1) Borsellino (1) CDW (1) CEDAW (1) CNR (1) Cambogia (1) Congo (1) De Andrè (1) Egitto (1) Eurostat (1) Grafico (1) Iraq (1) Istruzione (1) Kant (1) La repubblica (1) Legambiente (1) Linda Perry (1) Martha Nussbaum (1) Messico (1) Nobel Pace (1) Nord Africa (1) Norvegia (1) ONU (1) Pakistan (1) Pil (1) Sakineh (1) Sierra Leone (1) Somalia (1) Spagna (1) Tribunale Internazionale di Giustizia (1) USA (1) Women for Women international (1) Z. Bauman (1) articolo (1) boris (1) capacità (1) convegno (1) convenzione (1) dati (1) dignità (1) educazione (1) fame nel mondo (1) fotografia (1) futuro (1) letteratura (1) mafia (1) microcredito (1) militari (1) mondo (1) povertà (1) precarietà (1) risorgimento (1) statistiche (1) storia (1) torture (1) verginità (1)

venerdì 18 giugno 2010

Per chi come me ama la sintesi ma soprattutto la verità.

Guerre in ombra, undici storie di conflitti
"Sappiamo più o meno tutto sull'estinzione dei dinosauri, ma sappiamo poco o niente sull'estinzione programmata di certi popoli, sul genocidio di chi non ci abita abbastanza vicino perché la puzza di bruciato o quella ancor più fetente dei morti ammazzati possa sfiorarci le narici e irritarci gli occhi".
Undici storie da Paesi in conflitto. Storie di vita e di morte. Di disperazione e di speranza.
La guerra raccontata da chi la vive, e da chi ne subisce le conseguenze.
Con undici schede didattiche sui Paesi trattati.
Edito da PeaceReporter, 2007

Per inerenza a questo spazio vi riporto un tratto disarmante di questo libro. (Libro che consiglio per riordinare le conoscenze).

Gli occhi della piccola Zeva, dieci anni, sono pieni di lacrime: ha capito che non rivedrà più i suoi genitori, la sua casa, i suoi amichetti del villaggio. Piange in silenzio mentre suo padre, Gul Miran, quarantadue anni, contadino coltivatore di papaveri da oppio della provincia di Nangarhar, la tiene per mano l'ultima volta, prima di consegnarla ad Haji Naquibullah, trafficante d'oppio, come pagamento di un debito di 50.000 afgani, circa 750 euro. Naquibullah la prende dicendo:"Tra un anno la darò in sposa a mio figlio: la sua prima moglie era sterile e non gli ha dato prole". Fatima, una ragazza di 17 anni, proveniente da un villaggio vicino o Jalalabad, racconta una storia simile." Mio padre aveva un debito di 80.000 afgani , 1200 euro, ma il suo campo è stato distrutto dal governo e così non ha avuto altra scelta che darmi in sposa al suo creditore: un uomo cieco, che dovrò servire e riverire per il resto della mia vita. Non è quello che desidero, ma io sono una ragazza afgana e ho il dovere di rispettare il volere di mio padre."


2 commenti:

  1. Interessante libro.
    C'è qualche sito di ospitare da leggere?

    RispondiElimina
  2. http://it.peacereporter.net/

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails